Premio del cinema svizzero 2019 in tre categorie a «Ceux qui travaillent» e «Chris the Swiss»

Berna, 22.03.2019 - Alla cerimonia di consegna dei Premi del cinema svizzero di stasera, 22 marzo 2019, sono stati conferiti tre riconoscimenti al film di fiction «Ceux qui travaillent» e al documentario «Chris the Swiss». La premiazione si è svolta al Bâtiment des Forces Motrices di Ginevra, alla presenza del consigliere federale Alain Berset.

Per il film «Ceux qui travaillent», prodotto da Box Productions sàrl, sono stati premiati il regista e sceneggiatore Antoine Russbach nelle categorie miglior film e migliore sceneggiatura e Pauline Schneider nella categoria migliore interpretazione da non protagonista, per il ruolo di Hilde.

Anche «Chris the Swiss» di Anja Kofmel, prodotto da Dschoint Ventschr Filmproduktion AG, ha ottenuto tre riconoscimenti, tra cui il premio per il miglior documentario. Il compositore Marcel Vaid ha vinto il premio nella categoria migliore musica da film e Stefan Kälin quello per il miglior montaggio.

Per quanto riguarda i cortometraggi, sono stati premiati «All Inclusive» di Corina Schwingruber Ilić (Freihändler Filmproduktion GmbH) come miglior cortometraggio, «Selfies» di Claudius Gentinetta (Gentinetta Film) come miglior film d’animazione e «Les Heures-Encre» di Wendy Pillonel, diplomata alla Zürcher Hochschule der Künste, come miglior film di diploma.

I premi nelle categorie miglior interprete maschile e migliore interprete femminile sono andati rispettivamente a Joel Basman per il ruolo di Motti in «Wolkenbruch» e a Judith Hofmann per il ruolo di Ruth in «Der Unschuldige». Peter Indergand è stato premiato per la migliore fotografia nel documentario «Eldorado». Il Premio speciale dell’Accademia è stato assegnato alla costumista Monika Schmid e alla scenografa Su Erdt per la contestualizzazione storica riuscita nel film «Zwingli».

Alla professionista cinematografica e mediatrice culturale Beki Probst è stato attribuito il Premio d’onore per la sua carriera straordinaria. Nell’elogio, il consigliere federale Alain Berset ha sottolineato le sue grandi conquiste nella promozione cinematografica: «Beki Probst è una delle principali figure di spicco nel panorama cinematografico svizzero e una mediatrice culturale di calibro internazionale. Mostrando sempre i film nella versione originale sottotitolata ha dato al pubblico l’opportunità di avvicinarsi ai film di tutto il mondo e di consolidare i legami tra le nostre diverse culture cinematografiche».

La prossima edizione del Premio del cinema svizzero si svolgerà a Zurigo venerdì 27 marzo 2020.

Il Premio del cinema svizzero è realizzato dall’Ufficio federale della cultura con il sostegno dei partner SRG SSR e Association «Quartz» Genève Zürich. Collaborano all’organizzazione Swiss Films, l’Accademia del Cinema Svizzero e le Giornate di Soletta.

Scelta dei vincitori e delle vincitrici

Il Dipartimento federale dell’interno determina i vincitori e le vincitrici basandosi sulle nomination e sulle raccomandazioni dei circa 440 membri dell’Accademia del Cinema Svizzero. Il premio non prevede l’assegnazione di una somma di denaro.


Indirizzo cui rivolgere domande

Sulla cerimonia di consegna dei Premi:
Daniel Menna, responsabile supplente Comunicazione, Ufficio federale della cultura, tel. +41 58 469 69 50, daniel.menna@bak.admin.ch

Per richieste d’interviste:
Stefanie Christ, tel. +41 76 427 96 96.



Pubblicato da

Ufficio federale della cultura
http://www.bak.admin.ch

https://www.bak.admin.ch/content/bak/it/home/attualita/nsb-news.msg-id-74401.html