Siti del Patrimonio mondiale

In Svizzera, nell’ambito del patrimonio culturale, sono già stati inseriti nell’elenco il Centro storico di Berna, l’Abbazia di San Gallo, il Monastero di San Giovanni a Müstair (tutti e tre nel 1983), i Castelli di Bellinzona (nel 2000), i vigneti terrazzati del Lavaux (2007), la Ferrovia retica nel paesaggio Albula/Bernina (2008), La Chaux-de-Fonds/Le Locle, il paesaggio urbano dell’industria orologiera (2009), i siti palafitticoli preistorici nell’arco alpino (2011) e l’opera architettonica di Le Corbusier (2016).

Quanto al patrimonio naturale, per il quale è competente l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), nell’elenco figurano le Alpi svizzere Jungfrau-Aletsch (2001), il Monte San Giorgio (2003) e la «Swiss Tectonic Arena Sardona» (2008).

Ultima modifica 12.03.2019

Inizio pagina

https://www.bak.admin.ch/content/bak/it/home/patrimonio-culturale/patrimonio-mondiale-dellunesco/siti-del-patrimonio-mondiale.html