Carta europea delle lingue regionali o minoritarie

La Carta europea delle lingue regionali o minoritarie (Carta; RS 0.441.2) è stata conclusa a Strasburgo nel 1992. Ratificata dalla Svizzera nel 1997, è entrata in vigore il 1° aprile 1998. I principali obiettivi della Carta sono di natura linguistica e culturale. L’obiettivo principale consiste nella salvaguardia e nella promozione della pluralità linguistica quale uno tra i più preziosi elementi della vita culturale europea. Ogni tre anni gli Stati contraenti presentano un rapporto sulla situazione delle lingue regionali e minoritarie e sulle misure scelte per attuare i principi della Carta.
L’Ufficio federale della cultura è responsabile della redazione dei rapporti periodici della Svizzera.

Convenzione-quadro per la protezione delle minoranze nazionali

La Convenzione-quadro per la protezione delle minoranze nazionali è il primo strumento multilaterale europeo giuridicamente vincolante destinato alla protezione delle minoranze nazionali. Elaborata con l'obiettivo di proteggere l'esistenza delle minoranze nazionali sui territori delle Parti, la Convenzione mira a promuovere l'uguaglianza effettiva e a pieno titolo delle minoranze nazionali garantendo loro condizioni che permettano di conservare e sviluppare la loro cultura e preservare la propria identità.

La Convenzione-quadro è stata conclusa a Strasburgo nel febbraio 1995. Ratificata dalla Svizzera nel 1998, è entrata in vigore il 1° febbraio 1999.

Gli Stati contraenti presentano ogni tre anni dei rapporti periodici sullo stato di attuazione della Convenzione. La redazione dei rapporti periodici della Svizzera è di competenza del DFAE (Direzione del diritto internazionale pubblico, DDIP).

Documenti

Ultima modifica 17.08.2020

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della cultura
Sezione cultura e società
Stéphanie Cattaneo-Andrey
Hallwylstrasse 15
3003 Berna
Telefono +41 58 464 10 69
E-mail

Stampare contatto

https://www.bak.admin.ch/content/bak/it/home/sprachen-und-gesellschaft/lingue/carta-europea-delle-lingue-regionali-o-minoritarie.html